Saltar para: Post [1], Pesquisa e Arquivos [2]

Em Português


Crítica a Claraboya en la revista italiana Patria Indipendente

Jueves, 10.01.13

"Un testo postumo ritrovato per caso" (um texto póstumo encontrado por acaso) é o titulo da recensão aà edição italiana de Clarabóia, assinada por Tiziano Tussi na revista Patria Indipendente:

 

Un regalo da parte di Josè Sa­ramago. Un testo postumo voluto così da lui. Lo ricorda nella prefazione la sua compagna, ul­tima moglie, Pilar del Rio che diri­ge la Fondazione a lui intestata. Un libro ritrovato in un trasloco di una casa editrice portoghese.

Lo scrittore, premio Nobel per la Letteratura nel 1998, volle che fos­se pubblicato solo dopo la sua mor­te. Ed eccolo, in traduzione italiana per Feltrinelli, la casa editrice che ha traghettato le sue opere dall’Einau­di per un problema di compatibilità in quella sede, dovuto a parole poco lusinghiere di Saramago in un suo blog sul nostro ex primo ministro. Ma pare ora preistoria politica.

Il testo si presenta come un mosaico, una specie di alveare in cui si dibat­tono vite che s’intrecciano, in parte, molto, poco o pochissimo, comun­que tanto quanto basta ad un rap­porto di vicinato, di pianerottolo.

Il Lucernario è un palazzo di Lisbo­na alla metà del secolo scorso. Vi sono tutti i comportamenti e le relazioni umane in un luogo abitato da proletari, piccoli borghesi o piccolis­simi borghesi. Un’umanità composita e alle perse con la difficoltà di vivere, con i quotidiani problemi per raggiungere un livello di vita decente. Buona educa­zione, lavori che dovrebbero essere il passaporto per un livello di distinzione, o comunque vicino, di vita, ma che sono solo la rituale ripetizione di gesti e di attività marginali.

 

Diverse tipologie, compresa quella di una mantenuta che a sua volta mantiene la madre. Uno spaccato d’i­pocrisia che colpisce per la sua chiarezza e lucidità, gli attori sanno bene cosa stanno facendo, ma che deve esser giocata sul piano dell’ambiguità, con gli altri in­quilini ed anche dai protagonisti stessi della recita, della farsa.

Altre storie: un giovane uomo, un sognatore prende in affitto la stanza di un ciabattino, che si atteggia un po’ a un novello Socrate della situazione. Una giovane ragazza viene allettata dal riccone che vuole cambiare cavalla e non mantenere più la pur piacente, ma meno della nuova prescelta giovane amante del palazzo. La giovinezza e la bellezza .si configurano come prevedibile offerta, vittima sacrificale alla sua ricchezza. Vite sen­za un preciso indirizzo direzionale, a volte apatiche che improvvisamente hanno a che fare con un gesto forte, anche se solo accennato o comunque consuma­to nelle mura di casa.

Due sorelle trascorrono serate ascoltando alla radio musica classica o opere, sono improvvisamente sca­raventate alle soglie di un abisso erotico incestuoso, anche se solo accennato, a causa di una di loro. Ma basta questo per mettere in scena tra di loro, e con la zia e la madre, un rapporto pie­no di sospetti e di piccoli sotterfugi, tremenda pena, tristezza e angoscia. Tutto poi si risolverà in un salvifico fraintendimento che farà riprendere la vita apparentemente felice delle due sorelle, della madre e della zia la quale aveva colto segnali sparsi ma che non aveva saputo dare sostanza ai suoi dubbi. Anche se nulla è ve­ramente accaduto, viene in mente il Pirandello di “Non si sa come”. Basta avere sfiorato il tema per dare al li­bro qualcosa in più.

Tutto il racconto è punteggiato da comportamenti poco corretti: un marito non vede l’ora che la moglie e il figlio se ne vadano dai parenti in Spagna. Un’altra coppia trova in un amplesso crudele il senso di un rinato rapporto fisico, non si sa per quanto. Come se la bruttezza del­la moglie e la forza animalesca del marito si potessero incontrare su un piano solo fisico, brutalmente fisico. Una casistica che prende il lettore, una serie di vite che non sono seguite, se non per poche inevitabili e necessarie completezze di racconto, al di fuori dal palazzo.

Un formicaio che, insomma, implode. Tematica ri­presa poi da altri autori, senza sospettare di questo modello, giacché il testo di Saramago era sconosciuto. Testori per tutti.

Lo stile pare grezzo e in formazione, ma non è così. Rimane fedele alle prime pagine per tutto lo scritto, nei tre anni di gestazione. Non c’è evoluzione, è pro­prio lo stile di un Saramago non ancora trentenne.

Vi si trova, a futura memoria, tutta la bellezza di una scrittura ampia e densa che coglie aspetti complessi e dispersi per lo scenario della vita di personaggi così diversi, anche se accomunati naturalmente dal mo­mento storico e dal luogo di vita.

Un grande libro corale, un piacere per la lettura; un ringraziamento a un letterato, un uomo di vaglia che è ancora qui con noi.

 

 

 


Autoria e outros dados (tags, etc)

publicado por Fundación Saramago





Destacados

Ver todas las noticias

Amigos de la Fundación José Saramago


Librería/Tienda de la Fundación José Saramago


Además


Sonidos de la Fundación


Blimunda


Serviço educativo



La Fundación
Somos lo que dice el documento José Saramago firmado en Lisboa el 29 de junio de 2007. Somos la Fundación José Saramago.
Más información | E-mail

Buscar

Pesquisar no Blog  

La Casa dos Bicos

La Casa dos Bicos, edificio del siglo XVI situado en la calle Bacalhoeiros, Lisboa, es el hogar de la Fundación José Saramago.

La Casa dos Bicos se puede visitar de lunes a sábado de 10h a las 18h (última entrada a las 17h30m).
Leer más


A Casa José Saramago en Lanzarote

La casa hecha de libros se puede visitar de lunes a sábado de 10h a las 14h30. También se puede caminar virtualmente, aquí.

Reciba nuestro boletín de noticias


#saramago no Twitter



Archivo mensual

  1. 2014
  2. J
  3. F
  4. M
  5. A
  6. M
  7. J
  8. J
  9. A
  10. S
  11. O
  12. N
  13. D
  14. 2013
  15. J
  16. F
  17. M
  18. A
  19. M
  20. J
  21. J
  22. A
  23. S
  24. O
  25. N
  26. D
  27. 2012
  28. J
  29. F
  30. M
  31. A
  32. M
  33. J
  34. J
  35. A
  36. S
  37. O
  38. N
  39. D
  40. 2011
  41. J
  42. F
  43. M
  44. A
  45. M
  46. J
  47. J
  48. A
  49. S
  50. O
  51. N
  52. D
  53. 2010
  54. J
  55. F
  56. M
  57. A
  58. M
  59. J
  60. J
  61. A
  62. S
  63. O
  64. N
  65. D
  66. 2009
  67. J
  68. F
  69. M
  70. A
  71. M
  72. J
  73. J
  74. A
  75. S
  76. O
  77. N
  78. D

TripAdvisor

Parceiros institucionais:

Parceiro tecnológico:

Granta